OCM Vino, 100 mln di euro per la promozione del vino made in Italy

Il decreto direttoriale pubblicato dal MIPAAF ha disciplinato gli interventi per la Promozione del vino made in Italy sui mercati dei Paesi terzi. Per i vini D.O.P. e I.G.P ma anche per i vini spumanti di qualità sono stati stanziati oltre 100 milioni di euro.

Gli interventi dell’OCM Vino internazionalizzazione

L’internazionalizzazione delle imprese nel settore vitivinicolo è una delle linee di intervento dell’OCM vino (Organizzazione Comune dei Mercati dedicata al settore vitivinicolo). Tra le azioni previste per favorire l’internazionalizzazione delle imprese vitivinicole ci sono:

  • azioni in materia di relazioni pubbliche, promozioni e pubblicità;
  • partecipazione a manifestazioni, fiere ed esposizioni di rilievo internazionale;
  • campagne di informazione, in particolare su denominazioni di origine e indicazioni geografiche;
  • studi per valutare i risultati delle azioni di informazione e promozione.

A chi si rivolge

Possono accedere alle agevolazioni le imprese italiane aggregate secondo una delle seguenti modalità:

  • organizzazioni professionali che hanno tra i loro scopi la promozione dei prodotti agricoli;
  • associazioni e organizzazioni di produttori di vino;
  • organizzazioni interprofessionali;
  • soggetti pubblici con comprovata esperienza nel settore;
  • associazioni temporanee di scopo già costituite o che si stanno costituendo;
  • consorzi, fondazioni e società cooperative;
  • reti di impresa.

Le tipologie di Progetti

I progetti di internazionalizzazione possono rientrare in una delle seguenti tipologie:

  • progetti regionali, proposti da soggetti che hanno sede operativa in una regione;
  • progetti multiregionali, proposti da aggregazioni di imprese che operano in almeno 2 regioni;
  • progetti nazionali, proposti da soggetti che hanno sede operativa in almeno tre regioni.

L’entità delle agevolazioni

I progetti presentati possono essere finanziati fino all’80% delle spese ammissibili entro il limite di 3 milioni di euro.

Le regioni, invitate a pubblicare normativa autonoma, potranno decidere se aumentare o meno il massimale. La misura prevede che le spese siano coperte al 50% da fondi comunitari e fino al 30% da fondi nazionali o regionali.

Per i progetti multiregionali la quota di finanziamento che il Ministero e la Regione di riferimento possono versare è pari al massimo 25% ciascuno.

La presentazione delle domande

Le istanze di partecipazione vanno presentate al MIPAAF entro le ore 17.00 del 25 settembre 2018.

Preleva il decreto direttoriale pubblicato dal MIPAAF.

Maggiori informazioni ed assistenza

Contatta gli esperti dell’Agenzia di Sviluppo MENDELSOHN per saperne di più!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here